Blister elettrosaldati e blister termosaldati

Blister elettrosaldati e blister termosaldati SGC

La scelta tra blister elettrosaldati e blister termosaldati è essenzialmente legata al tipo di blister che si dovrà andare a ottenere, quindi anche al tipo di prodotto custodito all’interno della confezione stessa.

Con l’elettrosaldatura, attraverso l’utilizzo dell’elettricità, si sfrutta il calore prodotto per saldare tra loro due parti diverse di plastica, che saranno così congiunte ponendo precedentemente all’interno l’articolo da contenere: i blister elettrosaldati sono bivalva o, in altri casi, sono composti da una sola valva, il classico termoformato, e da un foglio in plastica.

La termosaldatura in genere viene utilizzata laddove alla valva occorra saldare un cartoncino, sfruttando un termocollante che viene impregnato proprio sulla superficie del cartone.

Sia i blister elettrosaldati sia i blister termosaldati assicurano una confezione sicura, al riparo da urti e manomissioni, e oggi rappresentano la soluzione ideale per imballare e presentare al pubblico una grande varietà di prodotti.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.